I disturbi del sonno sono un indicatore dello stato di salute psichica, così come il disturbo cronico di sonno può essere all'origine di malattie gravi.

Secondo la definizione dell'OMS (Organizzzione Mondiale della Sanità) già dopo 3 settimane di disturbo del sonno si parla d'insonnia cronica. Autorevoli linee guida sconsigliano esplicitamente l'uso di farmaci ipnoinducenti nei casi in cui l'insonnia persista nel tempo (ad es. National Institute of Health, 1984, 1991).

Secondo quanto riferito dall'Ufficio Federale di statistica (indagine sulla salute in Svizzera) il 47,1% delle donne e il 31,5% degli uomini ticinesi hanno problemi ad addormentarsi, a mantenere il sonno o si risvegliano precocemente. La situazione in Ticino è peggiore rispetto a quella nazionale.